Come scegliere i colori per le pareti di casa

Una volta c’era solo il bianco, o quasi, per le pareti. Tanto che ancora oggi si è soliti usare l’espressione “imbiancare” per intendere il lavoro di ridipingere le pareti. Accanto al bianco, c’erano le tinte neutre, dal tortora al beige, usate però più nei luoghi pubblici più che nelle abitazioni.

 

Oggi le cose sono cambiate, ed è frequente trovare appartamenti con pareti, e talvolta soffitti, colorati. Anche tinte diverse per ogni locale; e perché no tinte diverse fra le pareti della stessa stanza.

 

Ma come scegliere il colore giusto? Naturalmente, non c’è una risposta univoca a questa domanda. Il colore giusto è quello che più vi piace, più vi rappresenta, e meglio si abbina all’arredamento e allo stile che avete scelto.

 

Però, in realtà, non è nemmeno così semplice. Non sempre è facile capire l’abbinamento migliore, e ci sono tinte più o meno adatte ai vari ambienti. Per questo è una buona idea contattare degli esperti del settore visitando il sito www.colorificio.info. Sapranno indicarvi non solo le nuances più adatte a ogni ambiente, ma anche quali vernici sono le più adatte e quale la tecnica migliore per stenderle.

 

Per avere una idea di come muovervi, ecco dove usare i principali colori

 

Blu

Favorisce la concentrazione e l’equilibrio interiore. Nella tonalità zaffiro, esalta il soggiorno e i complementi d’arredo. Sui toni del celeste, va bene per la camera da letto, facilitando il sonno.

Rosa

Versatile nelle varie nuances, è adatto a smorzare i contrasti cromatici. Da sempre considerato raffinato, ormai da tempo non è più solo femminile. Per questo un rosa antico va bene anche in una camera da letto matrimoniale, mentre un color cipria scuro anche in soggiorno.

 

Verde

Colore della natura per eccellenza, richiama l’aria aperta e la vivacità. Si adatta a qualsiasi ambiente, compreso il bagno, dove può fare da piacevole gioco di contrasto con i sanitari.

 

Giallo

Il giallo è il colore associato alla creatività e alla memoria visiva. Nei toni più accesi, va bene in cucina. Per lo studio e il soggiorno, invece, meglio tonalità simili alla senape.

Potrebbero interessarti anche...