Permesso di costruire in sanatoria

Generalmente prima di iniziare una nuova costruzione o fare interventi di ristrutturazione è necessario richiedere il Permesso di costruzione, che certifica l’effettiva corrispondenza delle opere da realizzare con il progetto, sempre rispettando le norme in vigore in materia edilizia ed urbanistica.

Il permesso di costruire in sanatoria si differenzia molto dal condono edilizio, mentre quest’ultimo è un provvedimento straordinario e momentaneo emanato per sanare un abuso edilizio.

Il primo essendo un provvedimento amministrativo è sempre in vigore, lo si può ottenere in qualunque momento, sempre che i lavori rispettino le norme edilizie ed urbanistiche sia nel momento della costruzione che al momento della presentazione della richiesta.

In effetti si tratta di una doppia conformità, ed è questo l’elemento indispensabile per beneficiare di questa procedura tardiva e regolarizzare un intervento diverso da quello previsto dal permesso di costruire.

L’iter burocratico si concretizza con la richiesta da parte del titolare del bene, aiutato da un tecnico del settore, presso l’ufficio tecnico del comune, il quale ha a disposizione 90 giorni per approvarla, trascorso tale periodo, se l’amministrazione non dà alcuna comunicazione, questa è da intendersi come l’emanazione di un parere negativo.

L’interessato ha a sua disposizione 60 giorni per contestare la decisione, se rinuncia decade definitivamente il diritto alla contestazione. Ringraziamo per le informazioni il portale iReBuilding.com, il team della iRebuilding SRLS sarà a vostra disposizione per ulteriori informazioni sull’argomento. Il team di professionisti potrà darvi informazioni in merito a queste pratiche edilizie : sanatoria urbanistica, permesso di costruire, certificato di agibilità, APE Pescara, accatastamenti, documentazione per atto di compravendita.

Potrebbero interessarti anche...